Curiosità

Ecco come un DISPIACERE può diventare una MALATTIA

 

 

 

Il nostro corpo percepisce e riceve, nella sua materia, ciò che lo spirito subisce.

Ogni sintomo è un messaggio.

Tutto quello che il nostro inconscio non ci dice, viene “urlato” dalle nostre malattie, dai nostri dolori, e dai nostri malesseri.

La malattia è in pratica una sorta di conflitto tra personalità e anima.

Quando manca il calore affettivo, con una semplice frescata di vento si prende subito un raffreddore, ed il raffreddore “cola” quando il corpo non piange.

Improvvisi mal di schiena forti, apparentemente provocati dal nulla, ci informano che che si sta subendo un dolore, portandosi con sé una tristezza immensa.

Quando ci sono tanti dolori da sfogare, tante afflizzioni che si vogliono raccontare ma non si ha nessuno con cui confidarsi, si manifesta il mal di gola.

Quando c’è una persona che non sopportiamo, quindi “non la digeriamo” ma dobbiamo subirla, in quel mentre ci viene acidità allo stomaco: infatti spesso le coliche sono rabbia accumulata che non si riesce a sfogare.

Quando una persona si sente sola, attanagliata dalla solitudine, è maggiore il rischio che in lui si presenti il diabete.

Il cancro può giungere quando si manifesta in noi dell’odio che corrode un amore mancato.

Il corpo tende a ingrassare anche quando ci si sente insoddisfatti, mentre quando ci si sente soddisfatti il corpo tende a dimagrire.

L’insonnia invece può essere un effetto dovuto a dubbi, ansie e preoccupazioni.

 

Quando non si riesce a dare un senso alla propria vita, la pressione del cuore rallenta oppure accelera: ipotensioni e pressioni alte del cuore rappresentano degli sbalzi condizionanti umore e forze.

Il nervosismo porta ad aumentare i respiri, proprio come se ci mancasse l’aria, nonché dolori al petto ed emicrania.

In tal senso, i fumatori cercano relax dalle sigarette in circostanze del genere, prendendo “aria extra” dal fumo di esse, rilassandosi in maniera compensatoria, ma del tutto illusoria.

Infine, quando la paura rende prigionieri, la pressione tende a salire.

 

 

Fonte

>

You Might Also Like

No Comments

    Leave a Reply

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi